Tomba di Hendrix: il padre smentisce la 'svendita', una sua collaboratrice si accusa della gaffe

Tomba di Hendrix: il padre smentisce la 'svendita', una sua collaboratrice si accusa della gaffe
Nuova puntata della infelice vicenda riguardante il mausoleo di Jimi Hendrix (vedi sezione Artisti). La famiglia Hendrix ha smentito le voci sulla messa in vendita di parti del cimitero privato, sostenendo che sono il risultato di un malinteso. Laura Woolman, consulente della famiglia, aveva causato l'equivoco con un suo messaggio su un sito Internet gestito dai fans del chitarrista. Ora, sul sito ufficiale, la Woolman fa pubblica ammenda, spiegando di aver scritto nel messaggio «le proprie, personali idee su come realizzare il monumento funebre, non sottoposte all'approvazione della famiglia. Si trattava del mio parere da fan, e devo ammettere che non eccelleva in buon gusto». James "Al" Hendrix, padre della rockstar, ha dichiarato: «Le frasi della signora Woolman mi hanno sconcertato, e sono contento che si sia presa le proprie responsabilità a tale riguardo. La decisione sulla nuova sistemazione di Jimi è stata presa come atto d'amore, e non come speculazione, e sono molto offeso che qualcuno lo abbia potuto pensare. Jimi è attualmente sepolto sotto una umile pietra piatta, che era quanto potevo permettermi per lui all'epoca della sua morte. Sono stati i fans a chiedermi perché fosse in quello stato, e perché fosse così difficile da trovare. Ne ho parlato col resto della famiglia, e ci siamo convinti che Jimi meriti un luogo dove ci siano anche delle panchine, e un po' di spazio per le visite dei suoi ammiratori».
Dall'archivio di Rockol - Jimi Hendrix e la sintassi della musica
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.