Nudità e violenza, nuovo video shock per M.I.A.: guardalo qui

Nudità e violenza, nuovo video shock per M.I.A.: guardalo qui

Farà sicuramente discutere il video di "Born free", nuovo singolo di M.I.A.: la clip, diretta da Romain Gavras, figlio del celeberrimo regista di origini greche Costa Gavras, vede una pattuglia di soldati militari americani (almeno così si evince dalla bandiera sull'uniforme) sequestrare un gruppo di giovani dai capelli rossi. Nel corso del cortometraggio (la durata complessiva della clip è di nove minuti) il manipolo di militari farà brutalmente irruzione in un caseggiato, usando violenza sugli occupanti dello stesso (alcuni dei quali in atteggiamenti intimi) e giustizierà sommariamente una ragazzina con un colpo di pistola alla testa. La clip, la cui visione è ovviamente sconsigliata a minori e al pubblico particolarmente sensibili, è disponibile sia sul sito ufficiale della cantante che su Youtube.
Il nuovo album di M.I.A., anch'esso intitolato "Born free", sarà disponibile a partire dal prossimo 28 giugno.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.