Peter Tosh ha fatto causa a Bob Marley…

Peter Tosh ha fatto causa a Bob Marley…
Un morto fa causa a un morto: succede anche questo. Protagonisti della singolare questione legale sono Bob Marley (o meglio, la sua famiglia) e il suo ex compagno di band, anch'egli defunto, Peter Tosh (o meglio, i suoi eredi). I Tosh, assieme a Bunny Wailer, pure lui ex componente del gruppo di Marley, avevano avviato, per questioni di royalties, una causa nel 1992; recentemente il tutto si è risolto - e fuori dal tribunale, con un accordo extragiudiziale.
Questi i termini: agli eredi Tosh e a Wailer dovranno essere corrisposte dalla Island Records royalties per più di due milioni di dollari; inoltre, gli eredi Tosh e Wailer hanno il diritto di usare uno dei due marchi della Tuff Gong (l’etichetta discografica sulla quale incisero Marley & the Wailers), quello che raffigura tre pugni levati. L'altro, quello con l'immagine di Bob, resta di proprietà e d’uso della famiglia Marley.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.