Robbie Williams tenta il primato delle parolacce

Robbie Williams tenta il primato delle parolacce
Robbie Williams ha tentato di stabilire un record durante il suo concerto irlandese allo Slane Castle. Il cantante ha chiesto agli 80.000 spettatori di gridare la parolaccia più sonora del mondo all’unisono. «Io non posso dire "fuck" o "shit" perché c’è la tv, ma voi potete: Forza, entrate nel Guinnes dei primati: gridate "fuck" in ottantamila», ha detto l’ex Take That, esaudito dalla folla esultante. Robbie ha poi raccolto la sfida di uno spettatore: «Un tipo mi sta facendo vedere il culo. Amico, quello non è un culo. Questo è un culo», ha detto, tirandosi giù i pantaloni. Davanti alla folla esultante, il cantante ha poi fatto l’imitazione di Mick Jagger, di Tina Turner, e infine di se stesso: "Robbie Williams, superstar".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.