Alannah Myles non usa cocaina - e se lo insinuate, pagate 10 miliardi

Alannah Myles ha avviato una causa per diffamazione da 6 milioni di dollari (dieci miliardi di lire) nei confronti del canadese "National Post". Il quotidiano ha infatti pubblicato nel dicembre 1998 un articolo intitolato "Il meglio e il peggio di Alannah Myles", nel quale era scritto: «Ci sono state anche voci sull'uso abituale di cocaina». Il 7 gennaio di quest'anno il giornale ha pubblicato una smentita della cantante di "Black velvet" e una nota in cui gli autori dell'articolo precisavano che si trattava solo di dicerie. I giornalisti si difendono dicendo che nell'articolo non c'era malizia nei confronti della cantante, e anzi fanno notare come la frase facesse parte di una domanda, all'interno di un'intervista, cui la Myles aveva risposto negando tranquillamente.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.