Scaramuccia tra la Warner e i premi Grammy

Scaramuccia tra la Warner e i premi Grammy
Michael Greene, capo dell’organizzazione che assegna i cosiddetti "Oscar della musica", è ai ferri corti con la Warner. Secondo il "Los Angeles Times" il colosso discografico ha ricevuto un avvertimento dalla Grammy Organization: in sostanza, di «aspettarsi conseguenze a breve e lungo termine» in seguito al rifiuto di concedere canzoni targate Warner per una compilation a sfondo benefico. Il rifiuto nasce da qualche sospetto sull’utilizzo dei fondi raccolti con il Cd, e sulla persona stessa di Greene, secondo il "Times" il dipendente di organizzazioni non-profit più ricco d’America, con un reddito di 1,3 milioni di dollari l’anno (più di due miliardi di lire). Certo che se i premi musicali fruttano così tanto, non cè da meravigliarsi che ce ne siano così tanti.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.