La polizia arresta 132 spettatori al festival di Glastonbury

La polizia arresta 132 spettatori al festival di Glastonbury

Una pioggia torrenziale ha accompagnato, esattamente come avvenne lo scorso anno, i primi due giorni del festival inglese di Glastonbury, il più grande raduno rock europeo (Imola a parte) dell'estate. Da considerare, comunque, che il popolare "Glasto" è autolimitato a 100.000 spettatori. E, tra venerdì e sabato, la polizia ha operato 132 arresti su un totale di 510 reati, 410 dei quali riconducibili a furti nelle tende. Infatti, mentre la gran parte degli spettatori era ad ascoltare, tra i numerosi altri, Bob Dylan, Paul Weller, Pulp e Robbie Williams, varie gangs di giovani ladri "ripulivano" le tende. Cinquantadue "spettatori" sono rimasti in galera in attesa di processo, gli altri sono stati rimessi in libertà.

Dall'archivio di Rockol - La storia di “The freewheelin’ Bob Dylan” di Bob Dylan
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.