Diritti connessi, sulla causa tra SCF e un dentista interviene la Corte Europea

La Corte d’Appello di Torino ha invitato la Corte Europea di Giustizia ad esprimersi su un contenzioso aperto da SCF Consorzio Fonografici nei confronti di un dentista italiano che rifiuta di pagare  i diritti “connessi” riconosciuti ai produttori fonografici e agli artisti interpreti per la riproduzione in pubblico di musica registrata. E’ stata la stessa SCF a proporre il rinvio al tribunale torinese, che ha accolto la richiesta sospendendo il giudizio in attesa di ricevere dall’autorità europea un parere sull’interpretazione della norma di legge: la Corte di Giustizia è  chiamata a stabilire se la diffusione di musica all’interno di studi professionali privati (il cui accesso è normalmente consentito ai soli clienti in possesso di una prenotazione ) rientri nelle fattispecie di  “comunicazione al pubblico di musica” previste dalle direttive dell’Unione Europea e dalla legge italiana sul diritto d’autore;  in pratica, a decidere se un ambulatorio dentistico costituisca un luogo aperto al pubblico.

“Anche nel nostro paese avremo così l’opportunità di ottenere una pronuncia di chiarimento generale circa l’area di applicabilità delle norme che tutelano i diritti di artisti e produttori per la musica diffusa in pubblico” osserva il presidente di SCF Gianluigi Chiodaroli, sottolineando che  negli altri paesi della UE “gli studi medici e dentistici riconoscono regolarmente il pagamento dei diritti discografici a fronte dell’utilizzo di musica d’ambiente, per offrire ai propri pazienti un ambiente più confortevole e rilassante”. “Persino la Chiesa, attraverso la CEI, ha da tempo in essere con SCF una convezione a favore delle parrocchie”, conclude Chiodaroli. “Ci domandiamo, a questo punto, per quale motivo  i dentisti non dovrebbero pagare”. 

 

 

 

Music Biz Cafe, parla Paola Marinone (BuzzMyVideos)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.