Nasce FooFind, piattaforma P2P e motore di ricerca musicale spagnolo

Nasce FooFind, piattaforma P2P e motore di ricerca musicale spagnolo

FooFind è la nuova creazione di Pablo Soto, imprenditore trentenne spagnolo noto alle cronache dell'industria IT per avere lanciato in passato diverse applicazioni per il file sharing (Manolito, Blubster e Piolet le più celebri) e per essere tuttora il bersaglio di una causa da 13 milioni di euro intentatagli dall'associazione fonografica spagnola (la sua MP2P Technologies è stata infatti citata in giudizio da Warner, Sony ed EMI con l'accusa di avere causato ingenti perdite di ricavi con il suo software di file sharing).
La situazione non sembra scoraggiare Soto dal perseguire la sua specializzazione, come si evince dall'appena avvenuto lancio di FooFind, una piattaforma di 'media search' attraverso la quale gli utenti possono cercare file audio (e anche video) grazie ad una costante indicizzazione delle maggiori fonti di P2P in rete. FooFind, infatti, scandaglia in continuazione Gnutella, Torrent, Ed2k e simili, oltre a migliaia di link FTP e HTTP, individuando i file disponibili per la condivisione ed il download. In pochi giorni ha già superato i 13 milioni di brani 'disponibili' online.
Il servizio, lanciato in inglese e in spagnolo, è legale in termini di legge, anche se l'imprenditore è conscio che l'industria potrebbe reagire da un momento all'altro: "Siamo estremamente rispettosi delle norme vigenti e anche il presidente dell'associazione dei discografici spagnoli ha ammesso che FooFind non infrange la legge. Tuttavia è probabile che facciano causa, perchè possono farlo. Ma non ci aspettiamo guai seri, perchè sappiamo che è legale".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.