I Bluvertigo festeggiano il disco d’oro al Rolling Stone di Milano: la festa rovinata da un incidente, un ragazzo in prognosi riservata

I Bluvertigo festeggiano il disco d’oro al Rolling Stone di Milano: la festa rovinata da un incidente, un ragazzo in prognosi riservata

Era partito nel modo migliore, il concerto dei Bluvertigo al Rolling Stone di Milano: 2000 persone, tutto esaurito da ben prima dell’inizio, la band in forma scintillante, ospiti musicisti sul palco (Mauro Pagani, Roberta Castoldi (Puertorico) e Pancaldi) e in platea (Biagio Antonacci, Soerba, Alice, Vinicio Capossela). Galvanizzati dall’atmosfera Morgan, Andy, Sergio e Livio iniziano con "Il nucleo". Il pubblico è sin da subito dalla loro parte, e questo permette ai Bluvertigo di navigare in tutta sicurezza badando alla musica e allo spettacolo. Sarà l’idea di ricevere di lì a poco il disco d’oro per il loro secondo album, "Metallo non metallo" (è stato organizzato un apposito aftershow nel privée del Rolling), ma i Bluvertigo sembrano veramente avere una marcia in più: l’atmosfera sembra quella, londinese, di un concerto primi anni ’80, post-punk, anche se continui ed evidenti sono i riferimenti al Bowie del tour ’77, con le chitarre di Adrian Belew al proprio servizio. Struttura d’acciaio, e fondali neri regalano l’impressione di un concerto di quel periodo, Livio alla chitarra si muove tra il Fripp di "Scary Monsters" e il Reeves Gabrels dei Tin Machine. Il gruppo spinge sull’acceleratore con brani come "Decadenza", "Il mio malditesta", "Oggi hai parlato troppo", mentre un grande successo riscuote la cover dei Depeche Mode "Here is the house" che diventa "Complicità", un tributo doveroso a uno dei gruppi che più hanno ispirato i Bluvertigo. Da segnalare una versione d’atmosfera di "L’eretico" e una ripresa di "Sweet Dreams" degli Eurythmics, prima che arrivasse "Troppe emozioni" a chiudere il concerto. I bis, a grande richiesta, sono stati "Fuori dal tempo" e la classica "Iodio". Emozione anche nel privée, dopo il concerto, quando al gruppo è stato consegnato dalla propria casa discografica, la Sony Music, il disco d’oro. Complimenti, felicitazioni, abbracci e fotografie sono state però poi funestate da un grave incidente occorso mentre al piano di sotto del Rolling Stone il pubblico era rimasto a ballare. Durante le operazioni di smontaggio del palco che si svolgevano (in modo inopportuno, e proprio su questo adesso verte la questione sulla responsabilità dell’incidente) contemporaneamente al proseguire della musica da discoteca, una trave di sostegno delle luci (detta ‘americana’) è caduta sul pubblico: tutti sono riusciti a evitarla tranne un ragazzo, che adesso è ricoverato in prognosi riservata con una grave frattura al cranio. In pochi attimi lo sgomento si è impadronito dei presenti: il pubblico ha iniziato a vociare all’indirizzo del service, accusandolo di aver iniziato a smontare troppo presto; i musicisti, impietriti e preoccupati, hanno partecipato con apprensione alle vicissitudini relative all’arrivo dell’ambulanza e al successivo trasferimento in ospedale del ragazzo, per una nottata drammatica che si è conclusa soltanto qualche ora fa.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.