EMI, ora arriva anche una proposta di nazionalizzazione

EMI, ora arriva anche una proposta di nazionalizzazione

Andrew Dubber è un nome noto tra gli addetti ai lavori, non solo britannici: ricercatore e professore universitario a Birmingham (con un corso in Innovazione delle Industrie Musicali), programmatore radiofonico, produttore discografico, fan e collezionista di vinili jazz, direttore dell’organizzazione New Music Strategies, cofondatore del Music Think Tank nonché consulente on-line di imprese musicali e di artisti come UB40 e Nithin Sawhney. Non è dunque passata inosservata la proposta, lanciata sul suo blog, di trasformare la EMI in un’impresa pubblica. “EMI ha bisogno di trovare 150 milioni di sterline entro la settimana prossima al fine di impedire a Citigroup di assumere il controllo”, scrive Dubber. “Ma le scelte disponibili non sono soltanto la bancarotta o la collusione. C’è una terza via: la EMI potrebbe essere nazionalizzata”.

Secondo Dubber, “i paralleli tra il boss della Lehman Richard Fuld che diciotto mesi fa cercava di concludere affari dell’ultimo minuto e ad ogni costo e l’attuale situazione della EMI sono quantomeno sorprendenti”. Di qui la sua proposta: un intervento pubblico che “preservi una grossa fetta della cultura musicale popolare della nazione, regoli l’industria prevenendo eccessi scandalosi e assicuri che la società agisca nell’interesse del pubblico, invece che in funzionedelle motivazioni di profitto (profondamente fallite) dei suoi azionisti”.

  

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.