Music Italy Show/Music Heaven a Bologna: ci sarà anche Yingwie Malmsteen

Le schitarrate di Timo Tolkki (ex Stratovarius) e di Ricky Portera degli Stadio hanno scosso le mura del Circolo del Commercio di Milano, questa mattina, servendo un antipasto caldo a quello che sarà l’evento clou di Music Heaven Bologna, rassegna di concerti, esibizioni ed eventi che a partire dal 12  maggio farà da cornice alla prima edizione del Music Italy Show, Salone degli strumenti musicali, edizioni, pro audio, dj e discografia in programma  dal 15 al 17 maggio presso il Quartiere Fieristico del capoluogo emiliano.

Senza un sindaco e una giunta con cui confrontarsi (per le note vicende), gli organizzatori della manifestazione hanno tirato dritto a testa bassa. E per il grande concerto gratuito “Ultimate world guitar exhibition”, che sabato 15 maggio andrà in scena in Piazza Maggiore, il direttore artistico (nonché braccio destro di Vasco Rossi) Guido Elmi ha radunato una bella squadra di assi della sei corde che comprende lo stesso Tolkki, la rockstar .Yngwie Malmsteen, George Lynch (già nei Dokken e nei Lynch Mob), Jennifer Batten (già nella band di Michael Jackson) e Doug Aldrich dei Whitesnake, accompagnati da una house band di grido in cui figurano  l’ex Deep Purple e Black Sabbath Glenn Hughes (voce), Billy Sheehan (basso), Stef Burns (chitarra), Derek Sherinian (tastiere) e Greg Bissonette (batteria). E pazienza se non ci sarà l’attesa, spettacolare esibizione sulla Torre degli Asinelli: la struttura è inagibile per lavori in corso, e bisognerà aspettare il prossimo anno. “Ho scelto di celebrare la chitarra perché è tuttora lo strumento più popolare del mondo”, dice Elmi. “E ho privilegiato gli strumentisti di scuola metal, hard & heavy perché sono i più virtuosi, gente che suona sul serio”. Grazie alla collaborazione di Activision e della catena commerciale la Feltrinelli Libri e Musica, chi sogna di emularli potrà cimentarsi con il videogioco Guitar Hero 5 in un torneo itinerante (tappe a Palermo, Genova, Roma, Napoli, Bari, Milano e Bologna, dall’11 aprile al 9 maggio) il cui vincitore avrà il privilegio di esibirsi al Salone in duetto con Maurizio Solieri.

Ci saranno anche concerti classici e jazz, ed esibizioni “allestite nei vicoli e nelle corti medievali di Bologna, una città che si presta perfettamente allo scopo e dove ogni luogo è facilmente raggiungibile a piedi”, spiega ancora Elmi, annunciando anche la presenza in città di una “marching band” di un centinaio di elementi. Ma non è tutto, perché altro accadrà nei padiglioni della fiera, con un programma ricco di convegni, mostre (una delle quali daedicata al mondo della chitarra Fender), workshop e installazioni (aggiornamenti sul sito ufficiale). 

Fabio Roversi Monaco (presidente di BolognaFiere), Marisa Corso (direttore della Divisione Commerciale di BolognaFiere) e Claudio Formisano di Dismamusica insistono sulla novità del format, “una manifestazione fieristica che si espande e vive nella città che la ospita”.

“Rispetto a Milano, Bologna vive un rapporto più amichevole con la sua Fiera”, spiega la Corso. E dopo l’esperienza “traumatica” del MEET Milano a Rho, aggiunge Formisano, “era d’obbligo riflettere sul senso e sui contenuti della manifestazione, che guarda agli operatori ma anche al pubblico dei consumatori, attraverso un programma che garantirà spettacolo dall’inizio alla fine. Quasi 100 aziende espositrici hanno già aderito al nostro invito, e le ringraziamo. Vogliamo essere pronti a cogliere il momento di ripresa del mercato ma abbiamo anche obiettivi più ambiziosi: creare un nuovo punto di riferimento per l’intero sistema musica in Italia e promuovere la pratica della musica in un Paese in cui solo 4 persone su 100 suonano abitualmente uno strumento musicale. Siamo sotto gli occhi di tutti, non possiamo fallire”.  .

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.