Slitta ancora l’ingresso in prigione per Lil Wayne

Un incendio ha fatto rinviare la sentenza ad una anno di reclusione per Lil Wayne. Il rapper avrebbe dovuto iniziare il periodo detentivo il 2 marzo, ma un incendio sviluppatosi nelle cantine del tribunale di Manhattan ha costretto l’evacuazione dello stabile e l’interruzione delle udienze. L’artista, dichiaratosi colpevole dell’accusa di possesso criminale d’ama da fuoco, si aspettava di ascoltare dalla voce del giudice Charles H. Solomon la sentenza ad un anno di carcere, dopo il recente rinvio chiesto dal suo avvocato per lenire un problema dentale. Poco prima dell’ingresso in tribunale, Wayne aveva lanciato un suo messaggio via Twitter, ringraziando i suoi fans per l’amore e le preghiere profuse. Il rapper aveva anche ottimizzato i tempi, girando sette videoclip in una notte in modo che, anche durante la sua assenza, lui potesse non essere dimenticato. A tal proposito, Lil Wayne ha annunciato anche l’uscita del suo prossimo album, “Tha Carter IV” per i primi del 2011.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.