Public Enemy, si bloccano i finanziamenti dei fan su Sellaband

Public Enemy, si bloccano i finanziamenti dei fan su Sellaband

Il tentativo dei Public Enemy di farsi finanziare dai fan attraverso il sito Sellaband continua a incontrare difficoltà: lungi dal raggiungere l’obiettivo che si era prefissata (250 mila dollari destinati a coprire le spese di  registrazione dell’album e la successiva campagna marketing), tra dicembre e oggi la band di Chuck D e Flavor Fav ha anzi perso una fetta dell’investimento, scendendo da 71 mila a 67.400 dollari (il 26 % del suo budget).

Analizzando la situazione e interrogandosi sull’efficacia del modello di business, Glenn Peoples di Billboard.biz evidenzia i punti deboli dell’operazione. In primo luogo, osserva il giornalista americano, le opzioni offerte ai fan non sono così convenienti (investendo 25 dollari si ottiene una copia del nuovo cd, per 100 dollari ci si garantisce in più la pubblicazione del nome sul libretto e la possibilità di acquistare un secondo cd a metà prezzo, per 250 dollari si aggiunge al pacchetto una  t-shirt, il cui costo effettivo diventa di 150 dollari…). In secondo luogo, Sellaband è un circuito chiuso che non dispone, almeno per ora, di strumenti efficaci per prpmuoversi sui social network e sui canali esterni al suo “ecosistema”. In terzo luogo, alla band può non avere giovato troppo la sua fama (molti fan potrebbero essersi chiesti se il gruppo ha effettivamente bisogno del loro sostegno economico). 

I Public Enemy hanno comunque raccolto più denaro delle altre 41 band che si finanziano attraverso Sellaband (nessuna di esse ha accumulato più di 50 mila dollari); attualmente i fan-finanziatori del gruppo sono 901, e ognuno di essi ha investito una media di 75 dollari nel progetto. 

 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.