Londra, in pericolo l'istituzione Ministry Of Sound

Londra, in pericolo l'istituzione Ministry Of Sound

Il Ministry Of Sound, che oltre ad essere discoteca e locale notturno è anche etichetta, si trova minacciato. Il popolare ritrovo di Gaunt Street, nella zona londinese di Southwark ed operante da 18 anni, potrebbe perdere la licenza qualora venisse accordato un permesso edilizio: una società di costruzioni, la Oakmayne, vorrebbe infatti costruire un palazzo destinato ad uso abitativo proprio davanti ad esso. Lohan Presencer, dirigente del MoS, che ospita circa 200 eventi all'anno che vedono passare dalle sue porte 300.000 persone, si è detto "atterrito" dalla insensibilità del costruttore e ha riferito che darà battaglia per far sopravvivere il locale che è considerato tra i principali pilastri della scena dance internazionale.
Per l'etichetta del Ministry in passato hanno registrato artisti quali, ad esempio, Boy George e Benny Benassi.

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.