Videogiochi in crisi, Dauman (Viacom) propone 'meno soldi ai discografici'

Videogiochi in crisi, Dauman (Viacom) propone 'meno soldi ai discografici'

Il settore dei videogiochi musicali sta facendo i conti con una drastica flessione delle vendite (si vedano le ultime notizie in arrivo dal fronte Activision). Secondo Philippe Dauman, presidente e amministratore delegato di Viacom (che attraverso Harmonix/Mtv pubblica i titoli della popolare collana Rock Band, ultimo dei quali quello dedicato ai Beatles), il tentativo di recuperare redditività passa necessariamente attraverso un contenimento dei diritti pagati alle case discografiche che forniscono i contenuti musicali. “Stiamo cercando di ridurre le spese associate a Rock Band, diventando più selettivi nella scelta dei titoli musicali proprio in base a quanto ci costano”, ha spiegato Dauman in sede di presentazione degli ultimi dati di bilancio della società: la soluzione, ha aggiunto, è che l’industria musicale accetti di incassare royalty inferiori sulle licenze.  

Per le case discografiche e per gli stessi artisti i videogiochi sono diventati una fonte importante di introiti oltre che un efficace veicolo promozionale e pubblicitario.  Ma nel music business c’è chi la pensa in modo opposto rispetto a Dauman: in particolare Edgar Bronfman Jr., presidente e ad di Warner Music, che proprio a causa della divergenza di vedute sul valore economico delle licenze ha bloccato a lungo, l’anno scorso, la presenza dei suoi artisti sui videogiochi della serie Rock Band.  

 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.