Video, streaming e dintorni: salta Veoh, entra Encoding.com

Video, streaming e dintorni: salta Veoh, entra Encoding.com

 

 

Difficile capire quanto possano pesare le dichiarazioni e le azioni contrastanti delle major sulle sorti del video streaming musicale, da alcuni invocato come percorso interessante di valorizzazione del catalogo grazie alle inserzioni pubblicitarie, come nel caso di EMI, da altri bollato come nocivo per l’industria, come nel caso di Edgar Bronfman Jr di Warner. Dagli Stati Uniti e dal comparto hi-tech arrivano in tal senso segnali contrastanti.

Uno di segno decisamente negativo è stato appena emesso da Veoh, servizio di video hosting, ora ufficialmente in bancarotta dopo vani tentativi di reperire finanziamenti e/o di vendere la società a nuovi investitori. La società di San Diego aveva cominciato mesi fa a licenziare personale per difficoltà nell’applicazione del modello di business originale (molto focalizzato sullo User Generated Content), nonostante avesse raccolto ben 70 milioni di dollari di capitale (tra i soci: Time Warner, Goldman Sachs, Intel Capital, Spark Capital e Michael Eisner, ex CEO di Disney).

Uno di segno positivo è stato invece emesso da Encoding.com, una società specializzata nei servizi di codificazione e compressione video, che ha chiuso un piccolo round di finanziamento da 1,25 milioni di dollari grazie all’intervento nel capitale da parte di Metamorphic Ventures, oltre che di Patrick Condon, Fred Hamilton, Zelkova Ventures, Dave Morgan, e Allen Morgan. La società è stata fondata nel 2008 a San Francisco ed offre un servizio di encoding basato su ‘cloud’, rivolto a tutti i siti che ospitino video, sia esso di natura UGC o ufficiale e licenziato. La capacità produttiva di Encoding.com è di 30.000 video al giorno; la produzione smaltita fino ad oggi per clienti come MTV Networks, Nokia e MySpace è stata di 4 milioni di video. 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.