Sanremo 2010: la smentita di Carla Bruni e le polemiche sul Principe di Savoia

Sanremo 2010: la smentita di Carla Bruni e le polemiche sul Principe di Savoia

Domenica 31 gennaio, nel programma televisivo di approfondimento condotto da Massimo Giletti su Raiuno, il giornalista aveva annunciato che Carla Bruni non sarebbe stata ospite del Festival di Sanremo perché sembrava essersi offesa per alcuni versi di "Meno male", brano con il quale Simone Cristicchi sarà in gara alla manifestazione canora. Fonti vicine alla ex top model (e riportate dal Corriere della Sera), ora compagna del presidente della Repubblica francese Nicola Sarkozy, smentiscono il tutto dichiarando che il motivo per cui la Bruni non sarà presente all'Ariston nella setata di giovedì 18 febbraio - serata in cui era previsto il suo duetto in "Il cielo in una stanza" con Gino Paoli - non c'entra con la canzone di Cristicchi: "Né lei, né alcuno di noi ha mai saputo nulla dell'esistenza di una canzone alla base della decisione di non andare a Sanremo", ha spiegato l'enturage, "Le sarebbe piaciuto, adora Gino Paoli ma sarebbe stato davvero impossibile, visti gli impegni ufficiali e personali di Carla Bruni quella settimana. Insomma, nessun altro motivo al di fuori delle ragioni pratiche di organizzazione". Interviene anche il direttore artistico del Festival, Gianmarco Mazzi: "Vedo montare dei casi inesistenti, ma anche questo fa parte della tradizione sanremese. Non c'è alcun tipo di relazione tra la mancata presenza di Carla Bruni e il brano di Simone Cristicchi. Sono anzi convinto che la Bruni, che non mi risulta abbia sentito la canzone, troverebbe divertente il brano. Cristicchi la cita come simbolo per la sua grande forza di comunicazione, non c'è nessuna invettiva contro la coppia presidenziale".
Altre polemiche si creano invece intorno a "Italia amore mio", brano in gara di Emauele Filiberto di Savoia, Pupo e il tenore Luca Canonici: alcuni criticano il testo, troppo patriottico ("È basato su uno scritto di Emanuele Filiberto", ha spiegato Gianmarco Mazzi, "ho raccomandato sobrietà su alcune espressioni perché non ci sia nulla che possa urtare la sensibilità del pubblico"), altri, come Alex Britti e Nino D'Angelo, sono in disappunto sulla presenza di Emanuele Filiberto: "La sua partecipazione è paragonabile solo a Cicciolina in Parlamento", ha detto Britti sempre al Corriere. "Se la musica fosse una cosa seria dovrebbero essere i cantanti a farla", ha dichiarato invece Nino D'Angelo che, riguardo alla sua canzone in dialetto, "Jammo 'ja", che presenterà al Festival, ha aggiunto: "Ho sempre lottato per i dialetti. E poi mi piacerebbe fare un tour con Van De Sfroos, il cantautore lumbard".

GIOCA AL FANTAFESTIVAL CON ROCKOL!

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.