UK, i discografici non escludono di 'portare altri file sharer in tribunale'

Anche se ultimamente le sue strategie antipirateria sono mirate a coinvolgere governi e internet service provider nella lotta alla distribuzione illegale di musica on-line, l’industria discografica internazionale non sembra avere  rinunciato del tutto all’idea di perseguire in giudizio i file-sharer.  “Costa un sacco di soldi”, ha ammesso l’ad della federazione dei discografici inglesi Geoff Taylor durante un convegno sulla musica digitale al Midem di Cannes appena concluso, ricordando che la sua associazione ha portato in tribunale circa 150 persone con l’accusa di avere violato i copyright. “Però”, ha subito aggiunto, “c’è gente che reagisce solo se viene portata in giudizio. Detto questo, non è una cosa che si può fare con milioni di persone e preferiamo ricorrere ai metodi educativi”. Cinque anni fa, ha spiegato Taylor, la linea dura contro i privati cittadini che fanno largo uso delle reti p2p venne decisa perché all’epoca “gli ISP non erano pronti a collaborare con noi nella lotta alla pirateria on-line”.

Francia, Taiwan e Corea del Sud hanno già emanato leggi che obbligano i service provider a prendere provvedimenti contro il file sharing su larga scala, e anche il Regno Unito sembra avviato su questa strada. In Spagna, il Paese europeo con i più alti livelli di pirateria, il governo ha presentato un disegno di legge che propone l’oscuramento in tempi rapidi (4 giorni) dei siti che consentono il download illegale, previa un avvertimento e l’ordinanza di un giudice. 

   

 

Dall'archivio di Rockol - Gli album essenziali del rock italiano anni Novanta
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.