UK, dibattito sui costi delle misure antipirateria: ricadranno sul consumatore?

Quanto costerà, agli internet service provider, individuare gli utenti che praticano insistentemente il file sharing illegale e notificare loro le diffide   che dovrebbero convincerli a interrompere l'attività illegale? Gli ISP inglesi, che il Digital Economy Bill discusso in Parlamento obbligherebbe a prendere misure concrete contro la pirateria, calcolano il costo in circa 25 sterline per abbonato (poco meno di 29 euro): un costo che, anticipano, finirà in parte sulle spalle del consumatore finale. L’associazione britannica dei discografici BPI, riporta Billboard, ribatte che si tratta di stime esagerate e strumentali, e chiama a sostegno della sua tesi una ricerca da lei commissionata alla società Sweet Consulting: secondo quest’ultima, l’introduzione delle procedure di identificazione e di notifica ai “pirati” del Web costerebbe 13,85 milioni di sterline il primo anno (poco meno di 16 milioni di euro), 9 milioni il secondo (10,37 milioni di euro) e 3,45 milioni il terzo (3,97 milioni di euro): in quest’ultimo caso, il costo pro capite per abbonato Internet sarebbe appena di 24 pence.

Un’altra ricerca commissionata dalla Creative Coalition Campaign calcola i costi intorno agli 8,5 milioni di sterline, mentre le stime governative si assestano tra i 7,5 e i 24,5 milioni di sterline annui (cui bisognerebbe aggiungerne altri 19 per i gestori di telefonia mobile, per cui l’identificazione dei “pirati” diventa più difficile).  Sempre secondo studi governativi, è probabile che i service provider addossino all’utente finale un rincaro compreso tra lo  0,2 e lo 0,6 % dell’abbonamento alla  banda larga, tra i 40 pence e 1,40 sterline all’anno: il che dovrebbe produrre un calo di domanda per il broadband quantificabile tra i 2 e i 9 milioni di sterline, soprattutto da parte delle famiglie meno abbienti. Almeno seicentomila, protesta dalle pagine del Daily Mail l’ad della “telco” TalkTalk Charles Dunston: “Alla faccia dell’impegno del governo verso la digital inclusion ”.

     

 

Music Biz Cafe, parla Andrea Rosi (Sony Music Italy)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.