Plan de Fuga, debutto con 'In a minute': 'Via dalle classificazioni'

Plan de Fuga, debutto con 'In a minute': 'Via dalle classificazioni'

Plan de Fuga, in spagnolo, significa piano di fuga.

Una parola dal suono esotico per una band italiana che canta in inglese: Filippo De Paoli (voce, chitarra), Marcello Daniele (basso, voce), Simone Piccinelli (tastiere, chitarra) e Matteo Arici (batteria).  “Il nostro nome è tratto dal titolo di una canzone di un gruppo pop-rock spagnolo di nome Los Planetas, ma non è l'unica ragione per la quale abbiamo scelto di chiamarci così”, spiega il  frontman della band bresciana Filippo De Paoli. “Fuga è una parola che ci piace. E' intesa come distacco dalla standardizzazione di un certo tipo di musica (fenomeno che spesso si verifica anche in ambito indipendente), ma anche dalla mediocrità e da quella parte di gente che, soprattutto in Italia, non da il giusto valore alla musica e alla cultura. Non intendiamo, ci tengo a sottolinearlo, una fuga dall'Italia, anzi siamo contenti di essere un gruppo italiano, magari che riesce nell'arduo obbiettivo di farsi ascoltare anche fuori dai nostri confini”. Da qui la scelta di cantare in inglese? “In parte sì, perchè devo ammettere che uno dei nostri sogni sarebbe riuscire a portare la nostra musica anche all'estero. In ogni caso io ho sempre ascoltato molta musica anglofona e mi è sempre venuto naturale comporre in inglese”.
Venerdì 22 gennaio è l'ora del primo album ufficiale “In a minute”, edito dalla neonata etichetta About Blank del gruppo Evento Musica e distribuito da Self. “Dopo anni di gavetta, prove e concerti, ho iniziato a cercare un'etichetta che ci sostenesse nel progetto. Ho ricevuto diverse risposte interessanti, anche dall'estero, ma nessuno realmente disposto ad una partecipazione. Poi, proprio ad un concerto nella mia città, a Brescia, ho incontrato Raffaele Checchia (già manager di Francesco Renga, Omar Pedrini, Riccardo Maffoni, Lost e Gianmarco Martelloni), il quale ha mostrato subito interesse ed emozione per la nostra musica, pur essendo un genere molto nuovo per lui. E così eccoci qua”.
Già, il genere. Difficile classificare i Plan De Fuga in un unico filone: c'è il rock anni Novanta di Motorpsycho e dEUS, ma anche influenze funk, strutture pop e atmosfere dark. “Indubbiamente siamo molto vari, anche perchè ascoltiamo davvero di tutto. Questo non significa che siamo confusi, anzi. Ci piace avere diverse sfaccettature e fuggire (appunto) dai soliti canoni”.
“In a minute” contiene undici brani (tra cui il singolo “Twice”, di cui è stato realizzato anche un videoclip con il regista Davide Fois) ricchi di saliscendi emotivi, come si evince anche dai testi: “Le parole delle nostre canzoni sono spesso frutto di introspezione, un'analisi che avviene grazie alle tante cose che succedono nella vita, tra cui sicuramente l'amore è una delle più importanti. Spesso c'è una vena malinconica nei testi che un po' ci rappresenta, anche se esteriormente magari non si direbbe. Mi viene in mente a proposito Bob Marley: le sue canzoni si possono ascoltare in spiaggia, ma se poi si approfondiscono i testi, spesso raccontano situazioni dure e pesanti”.
Il titolo del disco è in parte ironico, in parte provocatorio. “In a minute per noi che ci abbiamo messo anni a fare un disco è sicuramente curioso come titolo. Però è anche un modo provocatorio per dire alla gente che per realizzare un album non ci si impiega, appunto, un minuto, ma dietro c'è tanto lavoro e sudore”. E proprio questa è la maggiore aspettativa dei Plan De Fuga: “Ci piacerebbe che tutta la fatica che abbiamo impiegato per realizzare questo disco venga riconosciuta e che la nostra musica venga apprezzata. Insomma, se qualcuno ama il nostro lavoro e comprende che una band ha bisogno di sostegno, decidendo di comprare il disco, sarebbe una bella conquista. Poi allo stesso tempo non siamo assolutamente contrari alla diffusione della musica in Rete, un mezzo per noi utilissimo per farsi conoscere”.
Cosa può sognare una band che al giorno d'oggi produce il primo disco ad un'età non più da ragazzini (i componenti hanno dai 28 ai 34 anni)?: “Il massimo per un musicista credo sia poter vivere grazie alla propria arte e poter dedicare tutta la propria giornata a fare questo. Poi sarebbe stupendo poter suonare in moltissimi posti, sia in Italia che all'estero. Il sogno è un tour negli Usa, paese che per chi ama il rock è da sempre fonte di ispirazione”.
A proposito di concerti, i Plan de Fuga presenteranno dal vivo (“una dimensione in cui facciamo sentire tutta la nostra anima rock”) “In a minute” in “casa” sabato 23 gennaio al Latte Piu' di Brescia, mentre il 19 febbraio ci sarà la presentazione nazionale presso La Casa 139 a Milano. In seguito la formazione bresciana intraprenderà un tour con il supporto di Live Nation, le cui date sono attualmente in via di definizione.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.