Guvera, musica gratis sponsorizzata: 20 milioni di dollari di finanziamento

Guvera, musica gratis sponsorizzata: 20 milioni di dollari di finanziamento

Guvera, azienda e piattaforma di musica digitale gratuita con accesso su abbonamento basata in Australia, sventola un motto che suscita curiosità e interesse sia presso il pubblico finale, sia presso gli addetti ai lavori: "I vostri marchi preferiti pagheranno gli artisti mentre ne scaricate gratuitamente la musica. Benvenuti nella rivoluzione dei media!".

I primi vagiti mediatici di Guvera giunsero, per l'appunto, con l'annuncio alla fine del 2009 dei contratti di licenza con EMI e con IODA, cui si è aggiunto nel frattempo anche un contratto con Universal Music. Ora agli slogan e alle licenze seguono i fatti: secondo dichiarazioni ufficiali del CEO Claes Loberg, l'azienda è partita con un finanziamento di circa 10 milioni di dollari ma, soprattutto, il venture capital ANMA Private Investment è pronto a erogarne altri 20 per lo sviluppo.

L'approccio di Guvera è estremamente innovativo. Il servizio crea canali marchiati dagli inserzionisti (alcuni di essi: McDonalds, Johnson & Johnson, Harley Davidson), i cui contenuti multimediali sono gratuiti per l'utenza. L'abbinamento tra marchio e contenuti (es. i brani da scaricare) è determinato da uno strumento di valutazione a disposizione degli inserzionisti che associa al meglio la "personalità" del marchio alle caratteristiche di artisti, genere o categorie in base alle affinità di target. Il back end consente loro di confezionare campagne commerciali e promozionali in tempo reale, declinando le specifiche demografiche, temporali e locali. Ogni download o stream gratuito è pagato dall'inserzionista (la tariffa unitaria e per persona è fissata sulla base di un minimo garantito predefinito, per esempio: 2 euro per ogni maschio della tale fascia demografica e residente nella tale area) e viene condivisa tra Guvera e i titolari dei diritti.

Guvera sta ora negoziando anche con Sony Music e Warner Music e si propone come il più sero concorrente dei servizi P2P da cui si scarica musica illegalmente, grazie a una presenza molto meno invasiva della pubblicità rispetto alla più tradizionale tendenza della advertising-supported music che impone un'interazione all'utente in cambio del download.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.