File-sharing, tribunale inglese assolve il fondatore di OiNK

Doccia fredda per l’industria discografica britannica (e mondiale), dopo che un tribunale inglese ha totalmente scagionato Alan Ellis, fondatore del celebre e defunto tracker BitTorrent OiNK, dalle accuse di frode e di corresponsabilità nella violazione dei diritti d’autore. Ellis, un ingegnere informatico di 26 anni, aveva lanciato OiNK nel 2004 nel più classico dei modi: gestendo il server e le attività del sito da un computer piazzato nella sua camera da letto. Nel 2007, a causa dell’aumento continuo di traffico (200.000 utenti registrati, che avrebbero effettuato 21 milioni di download illegali), aveva deciso di appoggiarsi a un server commerciale di base ad Amsterdam: lo stesso anno, però, un raid dell'Interpol aveva posto i sigilli al servizio (la cui community è subito emigrata su altri tracker, ancora più grandi).

Le case discografiche accusano il giovane informatico di avere lucrato illecitamente, incassando cospicue donazioni da parte dei suoi sostenitori: sui suoi depositi bancari sono stati trovati quasi 200 mila sterline, che Ellis ha spiegato di avere utilizzato per  pagare l’affitto del server in previsione del successivo acquisto di un server autonomo. La sua assoluzione ha ovviamente irritato l’associazione dei discografici inglesi BPI, che per bocca di un portavoce  parla di sentenza  “fuori sintonia con le decisioni prese in casi simili nel resto del mondo, ad esempio in relazione a The Pirate Bay. Questo caso”, conclude la BPI, “dimostra che gli artisti e le case discografiche necessitano di una maggiore protezione”.

 

Dall'archivio di Rockol - Virtual Time, 'Waves Are Calling' #Nofilter per Rockol
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.