UK: non sono solo le reti p2p ad alimentare il mercato illegale

La federazione dei discografici britannici lancia l’allarme: non solo il file sharing illegale attraverso le reti p2p non risulta essere affatto in calo tra i cittadini del Regno Unito, ma accanto ad esso crescono sul Web altre forme di distribuzione e scambio di materiali pirata. Le conclusioni della British Phonographic Industry (BPI) si basano sulle risultanze di un sondaggio condotto nel mese di novembre dalla società specializzata Harris Interactive su un campione di 3.442 utenti Internet di età compresa tra i 15 e i 64 anni: oltre 1.000 di questi hanno ammesso di avere fatto ricorso alla Rete, negli ultimi sei mesi, per procurarsi musica illegalmente.

Il p2p resta la forma più diffusa di accesso a file musicali “pirata”, praticato dal 47 % del campione su base settimanale e dal 31 % su base quotidiana (la media dei download è di 9 al mese). Ma nel frattempo cresce anche il ricorso ai siti (spesso stranieri) che vendono Mp3 a basso costo (+ 47 %), ai newsgroup che rimandano a file illegali (+ 42 %), a motori di ricerca di file Mp3 (+ 28 %) e ai link attraverso cui blog e forum rimandano ai cosiddetti cyberlockers (servizi di archiviazione remota, + 18 %). 

“Ci sono attualmente più di 35 servizi digitali nel Regno Unito in grado di offrire agli appassionati un’ampia gamma di possibilità per procurarsi la musica legalmente” ha osservato con preoccupazione l’amministratore delegato di BPI Geoff Taylor. “E’ sconsolante che, nonostante ciò e il gran parlare che si fa delle misure imminenti destinate a risolvere il problema, l’uso delle reti illegali p2p rimanga così elevato”. 

 

 

Music Biz Cafe, parla Ghemon
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.