La catena di negozi HMV lancia il suo festival, si parte in febbraio

HMV, la più grande catena di negozi di dischi operante nel Regno Unito, dove è stata fondata nel 1921, ha annunciato che sta per dar vita al suo proprio festival. La kermesse, intitolata Next Big Thing, inizierà già nel prossimo febbraio ed è resa possibile dalla recente acquisizione di vari locali adatti alla musica live. Forse anche grazie al grande successo che sta avendo "X Factor" in Gran Bretagna, il festival ha alcuni punti di contatto con la trasmissione; la somiglianza maggiore è costituita dal fatto che, come nel reality TV, non ci sarà alcun personaggio famoso. La manifestazione sarà probabilmente confinata alla sola Londra, dove, in perlomeno sei locali, tra i quali il Borderline, saliranno sui palchi una cinquantina tra gruppi e solisti. Partenza il 5 febbraio 2010. Feargal Sharkey, dirigente di UK Music (ed ex Undertones), ha affermato che il Next Big Thing offre alla nuova generazione una grande piattaforma di lancio.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.