Pippo Baudo e la 'sua' «Festa del disco»

Pippo Baudo e la 'sua' «Festa del disco»
«Signor Baudo, in base a quale criterio sono stati scelti o invitati gli artisti presenti alla "Festa del disco"?»
La risposta è una non-risposta, come già era capitato a chi scrive quando aveva tentato di dialogare con l'uomo che dal piccolo schermo non è solito dialogare con il suo pubblico.
«I cantanti hanno capito l'importanza della manifestazione» dice il presentatore-organizzatore dell'evento. Chissà perché non replicare «Abbiamo chiesto alle case discografiche», oppure persino «Ho deciso io!». Invece quel Baudismo irrefrenabile che caratterizza il più carismatico dei nostri uomini di televisione non prevede dialoghi o spiegazioni, e la conferenza stampa-show (due ore di diretta su Rtl) per la presentazione della seconda "Festa del disco" diventa il Pippo-show, con contorno di cantanti che intervengono al telefono o di persona tra Roma e Milano. Il cast è ricco, l'idea alla base della trasmissione è buona (cantanti e gruppi vanno a presentare non "la canzone" ma l'intero album concepito come lavoro organico). Ma è lui, il Pippo mattatore, a mettere un po' in ansia i cantanti. Lo si nota in un nervoso Gianluca Grignani (costretto ad attendere un po' più del lecito il suo turno mentre Pippo conversava amabilmente con Gino Paoli) o in gruppi già affermati come Delta V e Soerba, che pazientemente si sottopongono alla retorica di stampo sanremese delle "Nuove proposte", i "giovani". Ma anche i veterani come Enrico Ruggeri danno l'impressione di essere un po' a disagio con il Pippo venditore che ruba la scena al prodotto - curiosamente in antitesi, in questo, con le abitudini di Mike Bongiorno, uno dei più critici quando Baudo l'anno scorso presentò il progetto, da molti definito un'anti-Sanremo.
Pure, a chi dice che con la musica non si può andare in prima serata, il presentatore siciliano può opporre i cinque milioni di spettatori ottenuti l'anno scorso con la prima edizione e l'indubbiamente allettante vetrina offerta agli artisti, scelti - riportiamo una voce di corridoio - tramite un sondaggio di "Sorrisi e Canzoni tv", che ha valutato il gradimento riscontrato dai vari cantanti (il cui cast completo Rockol ha già riportato nei giorni scorsi).
Sarebbe interessante, in ogni caso, verificare la composizione di quei cinque milioni o più di spettatori, per vedere se sono interessati alla musica o al varietà Baudiano. Perché rimane il timore che le quattro serate del programma si possano risolvere in una "Festa del Pippo" invece che in una "Festa del disco".
(PM)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.