Presentato il 36mo Festivalbar

E' stata presentata oggi (26 maggio) a Milano la trentaseiesima edizione del Festivalbar. Andrea Salvetti ha iniziato dicendo: «Finché vive il Festivalbar, vive Vittorio Salvetti. Grazie alla solidità che lui ha garantito in questi anni, non è stato difficilissimo mettere assieme il grande cast di questa edizione». In particolare, la serata inaugurale (sabato 29 a Padova, in onda su Italia Uno il 2 giugno) vedrà un cast decisamente ricco: «Una puntata così vale Sanremo», ha detto Fiorello; «Però noi siamo più scanzonati», ha chiosato l'altra presentatrice Alessia Marcuzzi. La presenza di Vasco Rossi, Zucchero, Pino Daniele, Litfiba, Renato Zero, Jovanotti è stata facilitata, come ha ammesso il figlio del creatore del Festivalbar, dall'uscita quasi contemporanea dei loro dischi; ma c'è anche chi, come Eros Ramazzotti o Gianni Morandi, partecipa per un omaggio allo scomparso "patron"; Ramazzotti in particolare proporrà «una dedica speciale», che vedremo al Galà inaugurale.
Sul meccanismo della competizione per la "canzone più gettonata", un Andrea Salvetti sempre più somigliante al padre ha liquidato la questione con piglio deciso: «Con un occhio sia alle classifiche di vendita che all'airplay, vedremo di stabilire in modo non troppo rigido ma inequivocabile chi ha dominato l'estate. Il vincitore però dovrà esserci fisicamente: se fosse Celentano, faremo di tutto per convincerlo a venire, ma senza farci venire il mal di testa come l'anno scorso».
La carovana è pronta a partire, quindi, circondata da grande attesa: «I presidi delle scuole di Padova ci hanno telefonato per farci sapere che, in pratica, sabato 29 maggio ci sarà una "bigiata" di massa a causa nostra. E questo è il risultato più bello del Festivalbar», si è compiaciuto Salvetti. Le tappe successive saranno Ascoli (19 giugno), Ostuni (26), Lignano Sabbiadoro (9 luglio) e Verona (all'Arena, il 4 settembre). I biglietti per gli spettacoli saranno tenuti al di sotto delle 25.000 lire.
Per quanto riguarda le compilation, si è ormai affermata la suddivisione in "raccolta rossa" e "raccolta blu"; tuttavia, quest'anno è caduta la separazione tra i "generi" (musica italiana, latina, dance) che aveva caratterizzato le uscite precedenti; i due doppi cd ospitano 32 canzoni cadauno. Gli addetti ai lavori riconosceranno come criterio quello dell'appartenenza discografica: sulla "rossa", edita dalla Universal, sono presenti gli artisti delle "squadre" Emi, Virgin e - ovviamente - Universal; su quella "blu", pubblicata dalla Warner Fonit, c'è il... resto del mondo (discografico).
Music Biz Cafe Summer: Covid e diritti, l'onda lunga della pandemia e i timori degli editori
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.