Dopo 11 anni (di prigione) tornano i Burzum

Era il 1993 e tutte le riviste musicali –ma non solamente quelle, anche i quotidiani- si occupavano del fenomeno delle chiese bruciate e dei gruppi  “infernali” della Norvegia. “Tiravano” specialmente i Burzum, progetto (o meglio one man band) di Bergen condotto da Varg Vikernes. L'assassinio di Euronymous (vero nome Øystein Aarseth) dei Mayhem giunse al punto più alto (o più basso) di quello sciagurato periodo. Euronymous, diventato in breve tempo una sorta di leader della scena, fece appannare il profilo di Vikernes. Il quale, il 10 agosto 1993, per vendicarsi non trovò di meglio che farlo fuori. Ricevette una condanna a 21 anni di reclusione. In galera Varg è riuscito, con metodi piuttosto artigianali, ad assemblare due album, “Dauði Baldrs” e  “Hliðskjálf”. Dopo un periodo di semilibertà, l’ex frontman, che si faceva anche chiamare Count Grishnackh, ha ora chiuso i conti con la giustizia. E sta per pubblicare un nuovo album del progetto Burzum. Il disco è stato intitolato "Belus", come l'antica deità solare europea della luce e dell'innocenza. Vikernes ha affermato che il disco non è religioso e neppure antireligioso, e comunque non è politico (in carcere si era avvicinato a gruppi di estrema destra, per poi prenderne le distanze); è solo "un tentativo di esplorare i miti di Belus per rivelare le radici più antiche del nostro patrimonio culturale". L'album sarà pubblicato in tutto il mondo all'inizio del prossimo marzo dall'etichetta Byelobog Productions e contiene questi brani che Vikernes ha descritto come "semplicemente metal":
'Lukans Renkespill'
'Belus' Død'
'Glemselens Elv'
'Kaimadalthas' Nedstigning'
'Besøk Til Kelio'
'Alvenes Dans'
'Alvegavene'
'Sverddans'
'Keliohesten'
'Morgenrøde'
'Belus' Tilbakekomst'.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.