Vevo, ecco cosa (per ora) non va

Vevo, ecco cosa (per ora) non va

Troppo lento, troppo povero di video, male integrato con YouTube: così Glenn Peoples sintetizza su Billboard.biz i difetti più evidenti della piattaforma video Vevo a poche ore dal lancio avvenuto nella tarda serata dell’8 dicembre. Difetti di gioventù, probabilmente: sta di fatto che nelle prime ore di (mal)funzionamento del servizio i server non si sono dimostrati capaci di gestire il consistente volume di traffico, provocando rallentamenti ed errori di connessione a ripetizione che hanno reso quasi impraticabile la navigazione e la riproduzione dei video. Questi ultimi risultavano, al lancio, meno di 15 mila (“un minuscolo negozio d’angolo rispetto al magazzino di YouTube”, scrive Peoples), concentrati quasi esclusivamente tra i successi pop con scarsissima rappresentanza di generi di “nicchia” come il blues, il jazz e il reggae. Il giornalista di Billboard segnala l’assenza temporanea del catalogo EMI (niente Radiohead, Robbie Williams o Katy Perry), e un confronto impietoso con YouTube (partner dell’impresa): un video appena di Miles Davis contro 50.300, 71 di Lady GaGa contro i 345 mila risultati evidenziati da una ricerca sulla piattaforma “madre” (che offre materiale di ogni genere e qualità, “caricato” soprattutto dagli utenti). Anche l’integrazione tra i due portali sembra produrre al momento una certa confusione, bloccando l’accesso su YouTube anche a video ufficiali (per questioni legate alla tutela dei copyright) e instradando gli utenti verso quelli caricati su Vevo e preceduti dai messaggi pubblicitari.

Il sito HITS Dailydouble, al contrario, definisce Vevo “super-cool”, lodando l’architettura della home page, le anteprime (50 Cent, Mariah Carey, Timbaland featuring Drake, Mary J. Blige, John Mayer) e la qualità in alta definizione dei video proposti. 

  

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.