L'italiano Bassi Maestro 'derubato' da due rapper statunitensi

L'italiano Bassi Maestro 'derubato' da due rapper statunitensi

 

Ciò che questa storia potrebbe insegnare è che fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio, e che "là fuori è un brutto mondo", come direbbe qualcuno. 

Il rapper e produttore milanese Bassi Maestro ha pubblicato un post sul suo blog nel quale denuncia non un plagio ma un vero e proprio "furto" scoperto casualmente: "Mi hanno rubato i beat, che tristezza", scrive, "provengono da un cd che avevo lasciato ad alcune persone durante un mio viaggio a New York nel 2003", racconta. Colpevoli di essersi impossessati delle basi musicali (senza preoccuparsi di accreditare, pagare o semplicemente informare l'artista italiano) sono due nomi noti dell'hip hop statunitense: Chico DeBarge e Rakim. Il primo per il brano "Math" (con Talib Kweli) e il secondo per la canzone "Working for you", parte dell'album "The seventh seal".

"Sono profondamente deluso e amareggiato, innanzitutto perchè questi sono artisti che ho sempre sostenuto; in secondo luogo perchè mi sfugge il significato che ho sempre dato all'idea di produrre musica hip hop".

Per dimostrare la sua buona fede, Davide Bassi ha paragonato i brani in questione con le canzoni da lui registrate alcuni anni fa sulle stesse basi: si tratta di "Tu non mi rispetti", parte della raccolta "Esuberanza", e di "Noi contro loro", in cui la base venne ceduta al rapper Kiave.

Chissà che questo non sia il primo capitolo di una battaglia legale. Per ascoltare le canzoni cliccate qui.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.