Uk, indies associate per vendere musica ad aziende e agenzie pubblicitarie

Uk, indies associate per vendere musica ad aziende e agenzie pubblicitarie

Farsi pagare dai consumatori diventa sempre più problematico; di conseguenza, brand di largo consumo e agenzie pubblicitarie affamate di musica fanno sempre più gola alle case discografiche in cerca di forme alternative per mettere a frutto il loro repertorio. Anche le indies non fanno eccezione, come dimostra l’associazione di  quattro etichette  come Moshi Moshi, Wichita Recordings, Because Music e Bella Union (Fleet Foxes, Bloc Party, Cribs, Kate Nash, ecc.) in una nuova agenzia, IMU, destinata a facilitare e velocizzare  contatti e contratti di licenza che coinvolgano artisti, etichette e imprese commerciali. La nuova entità fungerà da intermediario nelle trattative tra content provider e utilizzatori che esulano dagli accordi standard di sincronizzazione per l’uso delle musiche in spot, film e programmi tv. Il raggio d’azione spazia dall’ingaggio di artisti per esibizioni dal vivo all’endorsement di prodotti, dall’uso in licenza di canzoni per siti Web e pagine Facebook agli stream su Twitter: la prima applicazione concreta vede protagonista la ditta di moda Oasis, che ha selezionato musiche dal catalogo IMU per presentare on-line la sua collezione stagionale di capi d’abbigliamento.  

“IMU”, spiega la responsabile Ruth Clarke, “è stata creata per risolvere due ordini di problemi: da una parte le etichette indipendenti hanno bisogno di diversificare i loro ricavi; dall’altra i marchi commerciali hanno necessità di accedere a contenuti attraenti in modi nuovi, man mano che passano da campagne pubblicitarie tradizionali al marketing incentrato sul digitale e sui social networks”. 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.