Lady Sovereign sputa in faccia a un buttafuori, arrestata

E' successo nelle prime ore di venerdì 25 settembre: la rapper Lady Sovereign si trovava a Brisbane, in Australia, quando la polizia l'ha arrestata per aver sputato in faccia al buttafuori di un locale gay. Dopo aver trascorso qualche ora nella discoteca "Beat", in Fortitude Valley, Lady Sovereign ha litigato furiosamente con un cliente. Sembra che il buttafuori fosse intervenuto per separarli, quando la ragazza ha deciso di esternare tutto il suo disprezzo sputandogli in un occhio.

La polizia, accorsa per sedare gli animi, ha quindi arrestato la ventiquattrenne Louise Amanda Harman, rilasciata solo alcune ore più tardi dietro cauzione.
"La polizia di Brisbane dovrebbe occuparsi dei veri criminali", ha fatto sapere Lady Sov tramite Twitter, "e smettetela di chiamarmi 'cattiva': se foste stati lì avreste capito", ha poi aggiunto asserendo di essere stata provocata.
Secondo la stampa locale, al momento dell'arresto Lady Sovereign era in evidente stato di ubriachezza.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.