Diddy conferma: 'Lascio la Atlantic'

P. Diddy (o semplicemente Diddy, come ama farsi chiamare ultimamente) ha annunciato ufficialmente il suo imminente divorzio da Atlantic Records e Warner Music, confermando le indiscrezioni pubblicate per primo dal New York Post sulla sua rubrica di gossip Page Six. La portavoce dell’artista/produttore newyorkese ha spiegato al settimanale statunitense Billboard che il contratto esistente scade a fine settembre e che un nuovo accordo discografico (con un partner per ora tenuto segreto) è già stato siglato. Con Warner Sean Combs resterà comunque in affari, dal momento che la sua etichetta Bad Boy continuerà ad essere gestita in joint venture con la major di Burbank.
Secondo Nielsen SoundScan l’ultimo album di Diddy per la Atlantic, “Press play”, ha venduto circa 700 mila copie negli Stati Uniti. Se i rumours raccolti da Page Six sono fondati il suo prossimo disco, intitolato “Last train to Paris”, dovrebbe essere pubblicato dalla Interscope Records (Universal Music).
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.