Ricerca Usa: le suonerie musicali hanno 15 anni di vita

La sorte delle suonerie musicali, così come le abbiamo intese fino ad oggi, è segnata. E IBISWorld, un ente di ricerche americano, pronostica già la data della loro scomparsa definitiva: non più tardi di quindici anni. I dati che la società ha raccolto sul mercato statunitense indicano un crollo della domanda paragonabile a quello di tutti gli altri mercati “evoluti”, con un rapido declino dal picco del 2007 (880 milioni di dollari) ai 750 milioni di quest’anno. IBISWorld imputa la flessione del fatturato ai prezzi ormai anacronistici (fino a 3 dollari a brano, mentre iTunes inizia a vendere ringtones sotto i 2 dollari) e alla evoluzione tecnologica dei telefoni cellulari, che consentono di scaricare interi brani musicali utilizzandoli eventualmente anche come suonerie, piuttosto che accontentarsi dei vecchi samples da trenta secondi. “Le suonerie musicali hanno conosciuto un’esplosione improvvisa, ma dopo due anni consecutivi di declino sembra di poter dire che l’industria stia uscendo dal settore rapidamente come vi era entrata”, ha concluso l’analista di IBISWorld Toon van Beeck.
I dati FIMi/Deloitte per il 2008 indicavano in Italia un calo del 32 % nelle vendite di suonerie “master” originali (2,753 milioni di euro di fatturato) e del 69 % per le “risponderie” (le musiche d’attesa che si attivano quando si riceve una chiamata, 121.753 euro di fatturato).
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.