Germania, il mercato discografico torna a crescere nel 2013

Germania, il mercato discografico torna a crescere nel 2013
Ancora tre anni di sofferenza, e poi l’industria discografica potrà ricominciare a guardare al futuro con un po’ più di ottimismo: almeno in Germania, dove uno studio condotto dalla società di ricerche GfK individua nel 2013 l’anno in cui, finalmente, le vendite di musica digitale compenseranno il crollo del mercato dei cd (le proiezioni sono basate sui dati attuali di mercato, combinati alle risultanze di interviste con consumatori, discografici ed esperti del settore).
Nel 2008 la discografia tedesca ha fatturato 1,6 miliardi di dollari, perdendo in un decennio più del 50 % del suo valore. Nei prossimi cinque anni, secondo GfK, il mercato dei supporti “fisici” continuerà a perdere il 5 % di media all’anno, mentre quello digitale crescerà al ritmo del 17 %, passando dal 7 % delle vendite totali al 20 % circa. Ad assicurare la crescita, e la ripresa dell’industria, dovrebbe essere un mix equilibrato di prodotti digitali: non solo i tradizionali download “alla carta” ma anche vendite di album digitali, modelli di abbonamento e di diffusione gratuita finanziata dalla pubblicità stile Spotify, servizi offerti in bundle dai maggiori Internet service provider e diritti di licenza incassati da piattaforme come YouTube e MySpace. Grazie soprattutto alle offerte delle telecom fornitrici di banda larga, il numero dei consumatori digitali dovrebbe passare in Germania da 5 a 15 milioni, il 60 % dei quali continuerebbero ad acquistare anche cd. “Ma questi trend positivi del mercato digitale dipendono dal successo dei tentativi di fermare la concorrenza illegale”, ammonisce il presidente dei discografici Stefan Michalk. “Oggi in Germania solo un download su otto è acquistato legalmente”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.