Seattle, duo hip hop 'stipendia' casa discografica attraverso uno sponsor

Per commercializzare i loro prossimi dischi, la ristampa dell’album “Bayan” già pubblicato su Rawkus, un EP intitolato “Oof!” in uscita il 25 agosto e una nuova collezione di inediti annunciata per il 2010, i Blue Scholars, duo hip hop di Seattle, hanno pensato di ribaltare il modello di business tradizionale: invece di firmare un contratto artistico standard con una casa discografica, l’MC Geologic e il dj/produttore Sabzi hanno preferito ingaggiare uno sponsor, Caffè Vita, e un’etichetta indipendente, la Duck Down, assumendo in prima persona il comando delle operazioni. L’etichetta avrà il compito di curare il marketing, mentre al partner finanziario, una catena di torrefazioni di Seattle, sarà assegnata anche la distribuzione locale dei prodotti. In questo modo, come spiegano sul loro sito Web , i Blue Scholars manterranno l’assoluto controllo sul modo in cui “la nostra musica viene commercializzata, venduta o persino regalata”. Non avendo denaro sufficiente per autofinanziarsi in toto come fanno oggi gruppi come Radiohead, Pearl Jam o Nine Inch Nails, spiegano, questa è la terza via che consente loro di restare completamente autonomi pagando i servizi che sono necessari per arrivare sul mercato in maniera efficiente. “Con l’industria discografica in uno stato di flusso, i tempi sono maturi per un’alternativa”, scrivono sul loro blog: “un modello in cui l’artista, invece di essere un dipendente dell’etichetta o dello sponsor, li mette sotto contratto affinché lavorino per lui. Ognuno incassa il suo assegno, come prima. Ma è un rapporto diverso attraverso cui l’artista conserva non solo la libertà creativa ma anche il potere economico”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.