Musica digitale: Spotify lancia un'applicazione per iPhone

Musica digitale: Spotify lancia un'applicazione per iPhone
Considerato da molti il più efficiente e promettente dei servizi di streaming musicale gratuito attualmente in circolazione, Spotify è riuscito a convincere solo una minima parte dei suoi utenti a passare alla formula di abbonamento mensile che consente un accesso illimitato e con migliore qualità audio al database musicale senza subìre interruzioni pubblicitarie. Il tasso di conversione, rivela l’Economist in un articolo pubblicato la settimana scorsa, è solo dello 0,7 % : 40 mila persone sui 6 milioni circa che hanno installato gratuitamente l’applicazione. A fronte della crisi del mercato pubblicitario e dei costi sostenuti per pagare le royalties a case discografiche e artisti, la Web company avrebbe tuttavia bisogno di incrementare sostanzialmente i servizi a pagamento: di qui il progetto di espandere l’offerta alle reti mobili, per mezzo di un’applicazione per iPhone che il 24 marzo scorso è stata sottoposta al vaglio e all’autorizzazione della Apple. La nuova funzione, che permette di tenere temporaneamente in memoria le canzoni prescelte, sarebbe appunto disponibile solo a pagamento; allo scopo di attirare nuovi inserzionisti, intanto, Spotify ha introdotto sulla piattaforma un video player per la visione on-demand di filmati promozionali: la prima società a farne uso per i suoi trailer cinematografici è la Sony Pictures.
Nel frattempo due cose sembrano chiare e incontestabili. La prima è che, come ha spiegato all’Economist Steve Purdham di We7 (altro servizio di streaming musicale, con circa due milioni di utenti) “nessuno per ora sta facendo soldi con i modelli basati sulla pubblicità”. E la seconda è che, come ammette Paul Brown di Spotify, la salvezza della musica non è in mano allo streaming gratuito ma dipenderà dalla capacità dell’industria di muoversi da una fonte di ricavo – i cd – a una dozzina di diverse alternative.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.