UK, chi compra musica (anche i giovani) preferisce ancora i cd

UK, chi compra musica (anche i giovani) preferisce ancora i cd
La rivoluzione digitale stenta a decollare, nel mercato “ufficiale” della musica, e forse non è neppure dietro l’angolo. Neppure in un paese musicalmente avanzato come il Regno Unito dove, secondo una ricerca di mercato appena pubblicata da The Leading Question/Music Ally, la maggioranza dei consumatori resta affezionata al compact disc: il 73 % degli intervistati lo preferisce ancora ai download e agli altri supporti digitali, e la percentuale dei “tradizionalisti” è sorprendentemente maggioritaria, il 66 %, anche tra il pubblico giovane di età compresa tra i 14 e i 18 anni. L’acquisto di cd supera la media nazionale (ed è un’altra sorpresa) anche tra i frequentatori abituali dei servizi digitali in streaming e in abbonamento (16,87 sterline al mese per gli utenti di Napster e 12,17 per i clienti di Spotify, contro le 11,37 sterline degli altri). E anche tra chi si procura musica illegalmente prevalgono gli amanti del cd: il 23 % preferisce masterizzarla su dischetti, mentre solo il 17 % si limita a tenerla sul computer sotto forma di file MP3. “La continua popolarità del cd dovrebber essere vista come un’opportunità”, secondo l’ad di Leading Question Tim Walker. “Noi riteniamo che le etichette e i negozi on-line potreebbero e dovrebbero fare di più per usare il cd come un ponte verso il mondo digitale”.
“Siamo in un business in cui il 70 % del consumo di musica è digitale, eppure solo il 20 % circa dei ricavi delle case discografiche proviene da quel settore”, ha osservato qualche giorno fa il ceo di EMI Music Elio Leoni Sceti. “La domanda continua a crescere, ma ovviamente abbiamo perso contatto con i nostri consumatori: dobbiamo ascoltare i loro bisogni e i loro desideri e mettergli a disposizione i prodotti e servizi che vogliono acquistare”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.