NEWS   |   Industria / 17/07/2009

Rykodisc, in futuro solo A&R: la Warner le toglie marketing e vendite

Rykodisc, in futuro solo A&R: la Warner le toglie marketing e vendite
Acquistata dalla Warner tre anni fa, Rykodisc era riuscita finora a conservare la piena autonomia operativa (tanto da essere distribuita da altre società: in Italia da I.R.D. e poi da Audioglobe). Ma ora la major proprietaria ha deciso di accorparla nel suo Independent Label Group, struttura di servizi centralizzata che provvederà alle funzioni di marketing, vendita e graphic design. L’etichetta ridurrà lo staff da tredici a otto persone, e sotto la guida del direttore artistico Ruby Marchand si dedicherà quasi esclusivamente all’A&R. Qualche mese, negli Stati Uniti, l’etichetta di Salem (Massachusetts) aveva dovuto chiudere anche la sua distribuzione indipendente, Rykodisc Distribution, per appoggiarsi alla Alternative Distribution Alliance (ADA) di Warner.
Nata nel 1983, agli albori del compact disc (e dedita esclusivamente a questo formato), per iniziativa di Arthur Mann, Rob Simonds, Doug Lexa e Don Rose, la Rykodisc si ricavò subito uno spazio sul mercato ripubblicando in formato cd i cataloghi di artisti di primo piano come David Bowie, Elvis Costello, Yoko Ono e Frank Zappa : di quest’ultimo, l’etichetta conserva tuttora la proprietà delle matrici, acquistate dalla famiglia. Dopo un tentativo infruttuoso di fusione con la Palm Pictures di Chris Blackwell (che l’aveva rilevata nel 1999 per poi rivenderla nel 2001), nel 2006 la Rykodisc venne acquistata da Warner Music per 67,5 milioni di dollari.; oggi ingloba anche l’etichetta digitale Cordless creata da Jac Holzman, il fondatore della Elektra Records.