IMAIE, il Consiglio di Stato conferma l'estinzione

IMAIE, il Consiglio di Stato conferma l'estinzione
Confermando un precedente decreto prefettizio, il Consiglio di Stato ha dichiarato definitivamente estinto l’IMAIE, l’istituto che gestiva i cosiddetti diritti connessi per conto degli artisti interpreti esecutori amministrando il denaro versato dagli utilizzatori del loro repertorio (locali pubblici, emittenti radiotelevisive, siti Web ecc.). Ne dà notizia, sul sito dell’ente , il presidente uscente Edoardo Vianello (nella foto), riservandosi – come scrive nel suo messaggio – “di adire le altre autorità giurisdizionali competenti in materia”. Il decreto di estinzione dell’IMAIE era stato sospeso il 18 giugno scorso con un’ordinanza del TAR del Lazio: ma ora la pronuncia del Consiglio di Stato ribadisce l'iniziativa del Prefetto e instaura i commissari liquidatori già nominati; resta da vedere, a questo punto, a quale ente sarà assegnato in futuro il compito di raccogliere e ripartire i diritti connessi per conto degli artisti (in lizza ci sarebbero SIAE e SCF).
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.