Warner, un'etichetta per il giornalista gossip Perez Hilton

Warner, un'etichetta per il giornalista gossip Perez Hilton
In attesa di comparire in tribunale per discutere dell’aggressione subita il mese scorso dal manager dei Black Eyed Peas , il re statunitense del gossip on-line Perez Hilton si appresta a lanciare un’etichetta discografica finanziata dalla Warner Music. Il contratto, che sta suscitando curiosità e sconcerto negli ambienti del music business statunitense (data la totale inesperienza del giornalista nel settore musicale), garantirebbe a Hilton una completa automomia decisionale in base al modello a 360 gradi oggi in voga nell’industria. “Ho un buon orecchio”, ha spiegato il giornalista alla rivista Entertainment Weekly, “so riconoscere un successo e una canzone buona da una cattiva. E non sono votato soltanto all’A&R, sono anche un manager e me ne intendo di marketing”.
Hilton è stato tra i primi a sostenere artisti emergenti (e icone gay) come Mika e Lady Gaga. Già entro il mese dovrebbe annunciare la sua prima firma per la ancora anonima etichetta.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.