Diritti musicali, un fondo di investimento in società con Bertelsmann

La nuova società per la gestione di diritti musicali fondata dalla Bertelsmann, BMG Rights Management (vedi News), diventa una joint venture. Il gruppo editoriale tedesco ha concordato la cessione del 51 % del capitale alla società di investimenti Kohlberg Kravis Roberts & Co. in cambio di 250 milioni di euro: l’azienda verrà integrata nell’ equity fund che Bertelsmann ha creato due anni fa.
Nata nove mesi fa, BMG Rights Management controlla le matrici fonografiche di oltre 200 artisti del vecchio roster Sony BMG che commercializza al di fuori dei canali tradizionali (licenze di sincronizzazione radiotelevisiva e cinematografica, pubblicità, eccetera). La società ha siglato nel frattempo contratti di sfruttamento del repertorio anche con altri autori ed artisti (tra questi gli A-ha) e intende continuare ad acquisire altri master (tre grossi cataloghi americani sarebbero già nel mirino, ma non quelli della EMI: vedi News) o anche società di edizioni musicali, approfittando del fatto che alcune di esse, in Europa, sono in mano a privati con problemi di successione nell’immediato.
Grazie all’apporto finanziario di KKR, BMG intende anche ampliare a circa 100 unità il suo staff, che conta attualmente circa 30 dipendenti nei sei paesi europei in cui la multinazionale è operativa. “Grazie all’accesso a un significativo capitale di investimento, ci aspettiamo che la partnership con KKR contribuisca in misura significativa ad accelerare lo sviluppo della nostra attività”, ha spiegato il presidente della nuova joint venture (e chief financial officer di Bertelsmann) Thomas Rabe. La direzione operativa dell’impresa sarà affidat a Hartwig Masuch, attuale ad di BMG Rights Management.
Music Biz Cafe Summer: radio e TV verso il futuro
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.