Real World Records, la distribuzione italiana passa alla Family Affair

Real World Records, la distribuzione italiana passa alla Family Affair
L’etichetta di world music creata nel 1989 da Peter Gabriel sull’onda dell’esperienza dei festival WOMAD cambia distribuzione, interrompendo il rapporto ventennale con la Virgin e poi con la EMI: in Italia se ne occuperà d’ora in poi in esclusiva la società milanese Family Affair, che annuncia per il 21 settembre le prime uscite (Skip McDonald con Daby Touré, Justin Adams con Juldeh Camara, gli Spiro, il cinese Mamer e gli etiopi Dub Colossus).
Del ricchissimo back catalog della Real World fanno parte nomi come Nusrat Fateh Ali Khan, Afro Celt Sound System, Joseph Arthur, Blind Boys of Alabama, Mari Boine, Sheila Chandra, Ozomatli e Papa Wemba, accanto agli italiani Spaccanapoli e Tenores di Bitti.
Poco meno di due anni fa (vedi News) l’etichetta aveva ottenuto un finanziamento di circa due milioni e mezzo di euro da parte del fondo Ingenious di Patrick McKenna, specializzato in investimenti in imprese musicali.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.