NEWS   |   Industria / 29/06/2009

Indagine USA: gli utenti di Twitter sono grandi consumatori di musica

Indagine USA: gli utenti di Twitter sono grandi consumatori di musica
Chi usa Twitter compra più musica. Lo sostiene una recente ricerca dell’NPD Group, che ha sondato i consumi musicali dei frequentatori del sito di micro-blogging: dall’indagine a campione risulta che un terzo degli utenti di Twitter ha comprato un cd nei tre mesi precedenti all’intervista, e una percentuale quasi identica (il 34 %) ha acquistato nello stesso periodo di tempo musica digitale (le cifre scendono al 23 e 16 %, rispettivamente, tra gli internauti “generici”). I fan di Twitter, oggi usatissimo anche dagli artisti per comunicare ai fan pensieri, notizie, date di concerti e anticipazioni di novità discografiche, comprerebbero il 77 % di musica digitale in più, rispetto agli altri navigatori della rete. Un terzo dei suoi utenti dichiara di ascoltare musica su siti di social networking, il 41 % attraverso le radio on-line e il 39 % tramite le piattaforme che diffondono video musicali.
“Sulla base degli acquisti di musica che hanno effettuato in passato gli utenti attivi di Twitter valgono semplicemente di più, per le etichette discografiche e per chi vende musica, di quanto valgano coloro che non lo utilizzano” sostiene l’analista di NPD Russ Crupnick. “Twitter”, conclude Crupnick, “può potenzialmente stimolare la scoperta di nuova musica, e migliorare il marketing focalizzato su un gruppo di consumatori dedicati e attenti alle novità tecnologiche. Usato correttamente, ha la capacità di intrattenere e allo stesso tempo di motivare gli appassionati di musica ad acquistare più album, più download, più merchandising e più biglietti per concerti”.