iTunes, con gli aumenti di prezzo gli artisti ci guadagnano (ma gli autori no)

Gli incrementi di prezzo introdotti da iTunes su richiesta delle major discografiche (vedi News ) hanno indotto i consumatori americani a ridurre leggermente i loro acquisti di musica digitale; l’incremento da 0,99 centesimi a 1,29 dollari della cifra richiesta per scaricare i brani più popolari ha tuttavia consentito al negozio della Apple e alle case discografiche di incassare più denaro.

Il settimanale Billboard ha preso in esame le prime sei settimane trascorse dall’introduzione del nuovo tariffario e ha verificato che in quell’arco di tempo la domanda è calata di circa il 5 % (il 10,8 % per le hit che occupano le prime quaranta posizioni in classifica); contemporaneamente, però, l’aumento di prezzo pari al 30 % sui brani più scaricati ha generato incassi superiori nella misura del 12 %. Il discorso non riguarda solo i successi del momento ma anche i “sempreverdi” del catalogo come “The dark side of the moon” dei Pink Floyd

: con il prezzo fissato a 1,29 dollari, le vendite dei singoli brani del disco sono calate dell’11 % ma quelle dell’album sono rimaste sostanzialmente stabili.

Conclusione: per i brani più popolari e i successi del momento, l’elasticità della domanda rispetto al prezzo sembra abbastanza ridotta da dare ragione alle major che sono riuscite a imporre a Steve Jobs i prezzi variabili dopo tre estenuanti anni di negoziati. Tutto bene per le case discografiche e per gli artisti, spiega Billboard, molto meno per gli editori musicali e gli autori di canzoni che su ogni file digitale venduto incassano una royalty fonomeccanica fissa: poiché i volumi di vendita si restringono, per loro il prezzo variabile equivale – in parole povere – a una fregatura. E’ vero, scrive il .

trade magazine americano, che le major posseggono tanto case discografiche che società di edizioni musicali, guadagnando da un lato quello che perdono dall’altro. Ma è anche vero che si tratta di società distinte, con bilanci autonomi, e che l’eventuale travaso di entrate dalle une alle altre non è un’operazione così scontata e immediata.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.