Virgin Megastores, addio anche agli Stati Uniti

Virgin Megastores, addio anche agli Stati Uniti
Domenica scorsa, 14 giugno, la catena dei Virgin Megastores ha detto addio anche agli Stati Uniti con la chiusura degli ultimi due punti vendita sopravvissuti, quello di Hollywood e quello newyorkese di Union Square (il più grande negozio di dischi della metropoli). Nel momento di massimo splendore, la Virgin contava ben 23 megastore sparsi sul territorio del paese: poi è arrivata la crisi del mercato discografico, che negli Usa ha obbligato al ritiro anche HMV (nel 2004) e Tower Records (89 punti vendita chiusi nel 2006). Simon Wright, amministratore delegato del Virgin Entertainment Group in Nord America, ha spiegato al New York Times che semplicemente “il modello del grande negozio specializzato in intrattenimento operante su una grande superficie di vendita non è destinato a funzionare in futuro”. “Il megastore è un dinosauro”, ha aggiunto un dipendente, Tony Beliech. “Peccato, perché quel tipo di negozio era anche un luogo di aggregazione, una cosa che manca del tutto all’acquisto di musica on-line”. Negli Stati Uniti, dove resistono da recenti stime almeno duemila negozi indipendenti, dominano oggi grandi magazzini come Wal-Mart, Best Buy e Target, che si contendono la leadership a colpi di esclusive sui dischi di megastar come Bruce Springsteen,Guns N’ Roses,Eagles,AC/DC o Pearl Jam. I Virgin Megastores sono intanto scomparsi dalla maggior parte dei mercati internazionali (compreso il paese di origine, il Regno Unito, dopo la breve parentesi di Zavvi, vedi News). Il marchio sopravvive al momento in Francia, Grecia e Giappone.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.