Litigio con Guy Hands, per il NY Post a rischio il futuro in EMI di Leoni Sceti

Litigio con Guy Hands, per il NY Post a rischio il futuro in EMI di Leoni Sceti
Elio Leoni Sceti, manager italiano che da poco meno di un anno dirige la EMI Music (vedi News), potrebbe essere costretto a dimettersi entro l’anno: lo scrive sul New York Post il giornalista Peter Lauria, solitamente bene informato, attribuendo la sua presunta caduta in disgrazia a un litigio con Guy Hands, il finanziere inglese che attraverso Terra Firma controlla la casa discografica. I due, legati da una stretta amicizia (tanto da avere trascorso insieme le vacanze in Italia, lo scorso mese di marzo, in compagnia delle rispettive famiglie), sarebbero arrivati allo scontro in occasione della rinegoziazione del contratto con Ronn Werre, dirigente EMI tentato da una offerta da parte della concorrente Sony Music (che anzi sostiene in tribunale di avere in mano un contratto già firmato, vedi News). Stando alle fonti di Lauria, Hands avrebbe inizialmente intimato a Leoni Sceti di condurre la trattativa facendo a Werre un’offerta del tipo “prendere o lasciare”; di fronte al rifiuto di questi, avrebbe poi cambiato idea costringendo il manager italiano a rimangiarsi la parola e ad accettare tutte le condizioni imposte dal potenziale transfuga: promozione al ruolo di chief operating officer per il Nord America, raddoppio dello stipendio ed epurazione di Douglas Merrill, l’ex dirigente Google assunto l’anno prima con l’incarico di seguire lo sviluppo del business digitale (vedi News). Un eventuale licenziamento di Leoni Sceti, secondo le stesse fonti anonime (almeno due, scrive Lauria, interne alla EMI o ad essa vicine per motivi professionali), non risulterebbe sgradito allo stesso, ambizioso Werre, che troverebbe così spianata la strada verso la poltrona di amministratore delegato. Gli interessati smentiscono: “Terra Firma crede che Elio stia facendo un lavoro estremamente brillante e gli conferma il suo pieno appoggio”, ha dichiarato al “Post” un portavoce della società, Andrew Dowler. Mentre Leoni Sceti ha tenuto a precisare che “Guy è un gran capo, mi dà un grosso sostegno e continua a essere un grande amico”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.