Grazie a Mike McCready dei Pearl Jam approvata una particolarissima legge

Grazie a Mike McCready dei Pearl Jam approvata una particolarissima legge
Mike McCready dei Pearl Jam ha contribuito, pare in maniera determinante, all’approvazione, da parte degli organi legislativi statunitensi, di una legge veramente molto particolare. Sarebbe sciocco fare della facile ironia su quella che alcuni hanno chiamato “legge del cesso”: McCready, che soffre di sindrome di Crohn, una malattia cronica intestinale che costringe a correre all’improvviso in bagno, per descrivere il suo disturbo ha detto: “Provate ad immaginarvi il più terribile attacco di diarrea che abbiate mai avuto. Poi moltiplicatelo per dieci, e infilateci dentro un coltello. Avete circa mezzo secondo per scoprire dove sia il bagno più vicino”. Il musicista (5 aprile ’66, Florida) ha fatto sì che sia stata approvata una legge, in vigore negli USA dal prossimo 26 luglio, che consente ai cittadini l’accesso ai bagni del personale qualora nell’esercizio non sia in funzione una toilette pubblica.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.