Goldstuck (ex BMG) amministratore delegato di TouchTunes (jukebox digitali)

Goldstuck (ex BMG) amministratore delegato di TouchTunes (jukebox digitali)
TouchTunes Corp., società statunitense che gestisce una rete di jukebox digitali collegati a Internet e ubicati in oltre 38 mila bar, ristoranti e negozi americani, ha ingaggiato l’ex dirigente discografico Charles Goldstuck affidandogli l’incarico di amministratore delegato in sostituzione di Bill Meder (che resta in carica con le mansioni di presidente). Goldstuck, sudafricano di nascita, è noto per essere stato il braccio destro di Clive Davis alla Arista e poi alla J Records. Già presidente e coo del BMG Label Group, ha lasciato l’azienda tedesca nell’aprile dell’anno scorso; in precedenza aveva lavorato per la società di edizioni Warner Chappell (in America Latina) e per la casa discografica Capitol.
L’offerta di “intrattenimento interattivo” fornita da TouchTones include non solo musica ma anche video e giochi; lo scorso anno i suoi juke box digitali hanno distrbuito negli Stati Uniti oltre 700 milioni di canzoni.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.