Ufficiale: MySpace caccia i suoi fondatori

Ufficiale: MySpace caccia i suoi fondatori
Chris DeWolfe e Tom Anderson, i fondatori di MySpace, non saranno più ai vertici della community da loro creata nel 1998 e successivamente acquistata da News Corp. Lo ha ufficializzato Jonathan Miller, capo della divisione digitale di News Corp., che sta lavorando alla ristrutturazione interna sulla cui base ad Anderson potrebbe essere assegnata una nuova posizione e a DeWolfe un ruolo consulenziale; ipotesi, queste, non ancora confermate.
L'epurazione era nell'aria ed è possibile che il posto di DeWolfe sia preso alla fine da Owen Van Natta, fino a pochissimo tempo fa uno dei top executive di Facebook dato per candidato al vertice di MySpace Music (posizione poi assegnata a Courtney Holt, anch'egli a rischio secondo i rumours che serpeggiano sui media specializzati americani).
MySpace, che detiene tuttora il titolo di community più numerosa negli Stati Uniti, è stata però superata lo scorso mese da Facebook a livello mondiale.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.